Un semplice hack per sviluppare l’attitudine al cambiamento

Immagina di essere cambiato. Sei una persona nuova, diversa. Sei esattamente come avresti voluto essere. Incontri qualcuno: come se ne accorge? Devi raccontargli dei tuoi cambiamenti. Oppure appenderti al collo un cartello con scritto “Sono cambiato”.

Ora, diciamo che questo qualcuno è un tuo amico: sapere che sei una persona “diversa” potrebbe preoccuparlo e allontanarlo da te, perché gli piacevi com’eri. Se invece non ti sopportasse, non basterebbe informarlo di essere cambiato per convincerlo a spendere del tempo in tua compagnia. E se non ti avesse conosciuto prima sapere che sei cambiato sarebbe irrilevante.

Il punto è che cambiamo ogni giorno. Puoi tagliare i capelli a zero, e questo si vede subito. Puoi iniziare a meditare, e questo richiede un po’ di tempo prima che gli altri se ne accorgano. Puoi avere un piano di crescita personale, e allora piano piano le differenze saranno evidenti.

“Oggi cucino io” ho detto un giorno di dicembre a mia moglie. Dopo qualche mese che cucinavo una o due volte alla settimana mi ha detto che se lo facessi sempre sarebbe contenta. Siamo appena a febbraio e questo è uno dei miei obiettivi per vivere un anno memorabile: imparare a cucinare (!) e preparare da mangiare almeno tre volte a settimana. Ho stabilito due punti di arrivo: organizzare un pranzo per il mio compleanno (a marzo) ed essere in grado di preparare il pranzo di Natale. Poniamo che io abbia successo: incontrando qualcuno l’anno prossimo dovrei indossare il grembiule che mi ha portato la Befana?

Ogni giorno possiamo avviare un cambiamento chiedendo a quello che puntualmente ritroviamo dall’altra parte dello specchio “Cosa facciamo di nuovo oggi?” Basta una piccola cosa come cucinare un piatto diverso dal solito, scrivere una pagina di diario, o comprare una bici a scatto fisso… Insomma ci si può sbizzarrire. E se poi ti ci applichi almeno un minuto tutti i giorni quella cosa nuova rotola a valle divenendo un’enorme palla di neve che innesca un cambiamento. Oppure muore lì perché era una stupidaggine, ma avrà contribuito a sviluppare la tua attitudine al cambiamento.

PS: Sto scrivendo un libro sui sogni che tutti abbiamo e come coltivarli. Ti va di raccontarmi come hai realizzato uno dei tuoi sogni o come hai trasformato una tua passione in un successo (non necessariamente economico)? Partecipa al sondaggio.

Vuoi ricevere ogni domenica riflessioni e spunti pratici per allineare le tue azioni con le tue intenzioni?

diventa te stesso!

Chiudi questo fastidioso pop-up se hai già l’antidoto alla società della distrazione, oppure iscriviti alla newsletter per ricevere ogni domenica un articolo su come eliminare le distrazioni, imparare a focalizzarti sul qui e ora e riuscire ad allineare le tue azioni alle tue intenzioni.

Send this to a friend