Minimalismo digitale

Fino a qualche tempo fa si parlava di information overload (sovraccarico cognitivo) come di una delle conseguenze della diffusione del digitale. Ora non se ne parla sempre più raramente, perché l’overload è divenuto naturale, parte del nostro esistere nell’era digitale. Allo stesso tempo, è in continua crescita il numero di persone interessate al minimalismo come stile di vita e di recente queste due strade si sono incrociate, dando vita a quello che sempre più spesso va sotto il nome di minimalismo digitale, inteso come forma di riduzione all’essenziale di quel numero di informazioni che ci troviamo a processare lungo ogni giornata.

L’essenziale

Applicato alla vita di tutti i giorni, il minimalismo è uno strumento per determinare cosa aggiunga valore alla nostra vita e cosa no, ed eliminare il superfluo. Quello che aggiunge valore alla nostra vita è l’essenziale, ciò che fornisce a ogni persona, cosa, o azione il proprio motivo di essere. L’essenziale è per sua stessa definizione abbastanza. Più che sufficiente per offrire un’esperienza concreta. Non ha bisogno di altro. Perché è manchevole. Non gli manca altro, per avere senso. Ognuno di noi è chiamato a definire questo essenziale e solo chi si decide a farlo è in grado di evitare il sovraccarico cognitivo a cui siamo tutti esposti.

Questo approccio può essere praticato in ogni aspetto della nostra vita:


Fra reale e digitale

Di seguito la definizione di minimalismo digitale coniata dal matematico Cal Newport:

Il minimalismo digitale è una filosofia che ti aiuta a mettere in discussione gli strumenti di comunicazione digitale (e i comportamenti legati all’uso di questi) per definire quali aggiungano il massimo valore alla vita di una persona. È motivato dal pensiero che ripulendo in maniera intenzionale e aggressiva i disturbi generati dal digitale, e ottimizzando l’uso degli strumenti che ha davvero senso usare, uno possa migliorare sensibilmente la propria vita.

Se è vero che gestire l’extra e gli accumuli nel digitale è decisamente molto più semplice che nella vita reale 1, è altrettanto vero che accumulare spazzatura digitale è infinitamente più facile, con il risultato che alla fine abbiamo più spazzatura da gestire. Pensa per esempio a tutte le email che non hai letto o hai archiviato anziché cestinare, ai file che hai salvato nella cartella download del tuo computer o sul desktop e sono rimasti lì, o alle persone che hai aggiunto su Twitter o Facebook solo perché ti hanno seguito o richiesto l’amicizia e i cui messaggi, di cui non ti frega assolutamente nulla, adesso riempiono la tua timeline.

Principi chiave per un minimalismo digitale

Per ridisegnare il nostro approccio al digitale in chiave minimalista è necessario individuare alcuni principi chiave. Raccolgo di seguito quelli che mi paiono più adatti:

  • fare un uso intenzionale della tecnologia, ovvero domandarsi sempre perché e con che fine stiamo utilizzando un’app o un dispositivo elettronico;
  • chiedersi che valore aggiunga alla nostra vita ogni elemento digitale che vi introduciamo, arrivando a interrogarsi se valga davvero la pena iscriversi a un nuovo social network tanto per provarlo, scaricare un ebook che non leggeremo subito, e persino continuare a leggere questa newsletter qui;
  • usare il digitale come strumento per creare qualcosa, non per influenzare il nostro stato d’animo, cosa che possiamo fare meglio da soli, o per passare il tempo, con l’unico risultato di non avere più tempo per pensare o per realizzare i nostri progetti.;
  • anteporre il reale al digitale, godendoci i momenti con amici e famiglia anziché immortalarli per raccontarli su un social network, o invitando gli amici a un aperitivo piuttosto che scrivergli un messaggio su Facebook, fino a mettere da parte i nostri dispositivi quando viaggiamo, ci spostiamo da un posto all’altro, o anche solo facciamo una pausa durante il lavoro;
  • dire di no a propri a qualunque proposta, così da essere in grado di scegliere solo quelle davvero allineate ai nostri valori.

Come iniziare a praticare

Ecco alcune delle azioni che ho messo in pratica per iniziare a praticare il minimalismo digitale:

  • rimuovere le notifiche non assolutamente necessarie
  • raggruppare app nel dock
  • togliere la suoneria al telefono quando scrivo o lavoro, o attivare il do not disturb quando ho davvero bisogno di concentrarmi su quello che sto facendo
  • mangiare e camminare senza l’iPhone in mano
  • non accendere la TV se non per vedere partite o film
  • non accedere ai social network se non per condividere qualcosa di valore per chi mi segue.
  1. Pensa solo a quanto impegno in più richieda sistemare il tuo armadio piuttosto che la scrivania del tuo computer.

Vuoi ricevere ogni domenica riflessioni e spunti pratici per allineare le tue azioni con le tue intenzioni?

diventa te stesso!

Chiudi questo fastidioso pop-up se hai già l’antidoto alla società della distrazione, oppure iscriviti alla newsletter per ricevere ogni domenica un articolo su come eliminare le distrazioni, imparare a focalizzarti sul qui e ora e riuscire ad allineare le tue azioni alle tue intenzioni.

Send this to a friend