27. Hackerare la propria vita

Qualunque cosa tu sia stato chiamato a fare, falla ora. Le condizioni sono sempre impossibili.

Doris Lessig (scrittrice, Nobel per la letteratura 2007)

Questo contentuto è riservato a chi ha acquistato <a href=”/sfida”><em>La sfida di vivere intenzionalmente</em></a>. Se hai già acquistato il corso, effettua il login.

Accedi al tuo account

Hai dimenticato la password?

La sfida di oggi

Quale fra le tante cose che hai sempre voluto fare e non hai mai fatto puoi fare ancora? Bada bene, per molte di quelle che stai scartando ti stai ponendo dei limiti da solo.

Vuoi imparare a suonare il piano? Vuoi giocare in una squadra di calcio? Vuoi scrivere un libro? Creare una band? Qualunque cosa tu voglia fare, oggi è il giorno per iniziare a farla. Magari non sarà esattamente come te lo immaginavi, ma non ti preoccupare: è sempre così. Il piacere che ti immaginavi non si concretizzerà nei risultati, ma nella pratica quotidiana attraverso la quale ti impegnerai per realizzare i tuoi sogni.

Quello che devi fare oggi non è un piano, non è un acquisto, non è una riflessione. Oggi – questa volta sì, proprio oggi – ti devi rimboccare le maniche e sporcarti le mani con il tuo progetto. Devi fare qualcosa di concreto per iniziare a realizzarlo. Inizia a suonare le scale sul pianoforte scordato di tua madre; scrivi la prima pagina dell’introduzione del tuo libro; vai al parco a correre per rimetterti in forma. Insomma, fai qualcosa. Oggi.

E quando l’hai fatto, scrivilo su Facebook. Così che tutti lo sappiano. Che se non lo fai è solo colpa tua. Non ci sono scuse.

PS: Se non ti è ancora venuto in mente cosa fare, guarda il passaggio di Fight Club incluso in questo articolo. Immagina di essere Taylor e che al posto di Raymond ci sia tu: stai puntando la pistola alla testa di questo sfigato che piange perché ha paura di morire. “Vai a finire quello che avevi iniziato” o “Vai a fare quello che hai sempre voluto”, gli dici. “Fra un mese ti vengo a cercare e se non hai fatto progressi ti ammazzo”.

Sai qual è il problema? È che tu sei Raymond, non Taylor, e sei tu che c’hai una pistola puntata alla testa. E sei tu che se non fai quello che devi fare fra un mese sei morto.

Fuor di metafora, se non vivi la tua vita ti ammazzi da solo.

Completa la sfida e procedi alla prossima